An Italian Kiss Like No Other

l Baci Perugina sono considerati un po’ il simbolo di San Valentino. La data convenzionale della nascita di questa dolce creazione è il 1922 e l’occasione venne offerta da un tentativo di “riciclo creativo”. Allo scopo di ridurre i costi di produzione de La Perugina, una piccola azienda dolciaria con appena quindici dipendenti, Luisa Spagnoli, uno dei fondatori, sperimentò un impasto con la granella di nocciole che avanzava regolarmente dalle varie lavorazioni. Ci mise sopra una nocciola intera e lo ricoprì di cioccolato. Si deve a Giovanni Buitoni, un altro dei fondatori, l’idea di battezzarlo Bacio Perugina. Era il 1924 quando alla ricetta e al nome perfetto si unì un packaging che lo era altrettanto. L’iniziale confezione personalizzata (a cui solo nel ’40 vennero aggiunte le stelle per arricchire l’incarto con un simbolo di desiderio, speranza e fantasia) era ispirata al dipinto di Hayez “Il Bacio”, mentre  la carta color argento con scritte blu nascondeva un bigliettino romantico all’interno di ciascun cioccolatino. Nel 1939 il successo superò i confini italiani arrivando in America, dove sulla Fifth Avenue a New York venne inaugurato un negozio Perugina.

It is one of the most recognized Italian kisses worldwide, filled with a blend of chocolate and chopped, roasted hazelnuts. Wrapped in tin foil and printed with shining little stars, each praline carries a special message of love and friendship. It comes packed in a dark blue box featuring a man and a woman tightly enveloped in each other’s arms. It’s the Bacio Perugina! The Italian Bacio has been around for 97 years.

SUBSCRIBE NOW!

online + newspaper

This section of the article is only available for our subscribers. Please click here to subscribe or login if you are already a subscriber.