The Italian restrictions for Covid-19

Alla fine di marzo, il governo italiano ha deciso di allentare alcune delle restrizioni e non di non estendere lo stato di emergenza. I cittadini non vaccinati sopra l’età di 50 anni potranno lavorare se avranno un tampone negativo per il COVID-19. Gli operatori nel sistema sanitario devono ancora essere vaccinati per il lavoro. Per tutte le altre persone, le mascherine sono ancora obbligatorie nei luoghi al chiuso come i ristoranti, le palestre, le piscine, i teatri, le discoteche, e negli uffici. Le mascherine non sono necessarie all’aperto. Il Ministro Roberto Speranza ha dichiarato che chi  avrà contatto con una persona con il COVID-19 non deve più fare la quarantena. Le persone con il virus, peró, devono essere in isolamento. Ci sono anche programmi per allentare i limiti di capacità per i concerti e gli stadi. All’inizio della pandemia, l’Italia aveva un lockdown più severo, rispetto al resto tutto il mondo. In questo momento, sono vaccinati, il 90% degli italiani di almeno 12 anni e un terzo dei ragazzini di 5 a 12 anni. Quasi 38 milione cittadini hanno preso il richiamo della vaccinazione. 

As reported in late March, Italy decided to ease some of its COVID-19 restrictions and will not extend the country's state of emergency. Any unvaccinated citizens over the 

SUBSCRIBE NOW!

online + newspaper

This section of the article is only available for our subscribers. Please click here to subscribe or login if you are already a subscriber.