It Takes Two to Tango

Il tango è oggi un ballo popolare associato ad incanto ed eleganza, sebbene ai suoi inizi fosse molto differente. Cominciò a diffondersi a Buenos Aires - la città dove “far fortuna” intorno al 1820, come tipo di percussione usata dagli afroamericani. La grande disponibilità di manodopera attirò presto immigrati Italiani, Francesi, Ungheresi, Ebrei e Slavi, che si unirono a schiavi liberati e Argentini della seconda e terza generazione, con cui convivevano in squallidi quartieri costruiti dal nulla, creando una miscela unica e irripetibile di tradizioni etniche e culturali che è diventata l’ingrediente magico di un processo creativo. Se da una parte le canzoni cantavano un’esperienza comune di tristezza, felicità e gioie, di  nostalgia e distanza, di speranze ed aspirazioni, di solitudine, lealtà e fratellanza nell’avversità, la struttura armonica del tango è tipicamente italiana e buona parte del suo peso culturale è originario dell’Italia. I nomi, infatti, dei maggiori compositori di musica a partire dai primi anni del Novecento fino all’età d’oro del tango, quella degli anni ’30 e ’40, sono tutti figli di immigrati italiani. 

What do you think of when you hear the words Argentine Tango? You may visualize hot, dark, smoke-filled dancehalls with

SUBSCRIBE NOW!

online + newspaper

This section of the article is only available for our subscribers. Please click here to subscribe or login if you are already a subscriber.

More in this category: « The Healthy Italian