The Chapel of the Holy Shroud in Turin Reopens After 2-Year Restoration Project

Dopo due anni di restauro è stata riaperta a Torino  la Cappella della Sacra Sindone. La cerimonia ufficiale si è svolta lo scorso venerdì 11 gennaio. Ad annunciarlo, tra gli altri, è la NIAF, la Fondazione degli Italo Americani degli Stati Uniti, la quale ha contribuito alla delicata opera di recupero con uno stanziamento, nel 2016, di circa 30 mila dollari, in considerazione della devozione alla Sindone di tutti gli italiani e gli italoamericani negli Stati Uniti. Una delegazione della NIAF ha visitato la cappella a giugno 2016 per verificare le condizioni degli affreschi, risalenti al XVIII secolo, dei pittori Piero Alzeri e Michele Antonio. Da qui la decisione del restauro, iniziato nel settembre dello stesso anno, a cura del Centro di Conservazione e Restauro di Venaria Reale. Dal 1998, una replica dettagliata della Sindone è esposta nella cripta della cappella, mentre la Sacra Sindone  è racchiusa in una teca d’oro nel Duomo di Torino, che si trova vicino alla cappella.

The National Italian American Foundation (NIAF) is pleased to announce that, as of last week, the Chapel of the Holy Shroud in Turin has reopened after two years of restoration. NIAF, with the support of its members and donors, contributed $30,000 (€27,000) to the chapel’s restoration project in 2016.

SUBSCRIBE NOW!

online + newspaper

This section of the article is only available for our subscribers. Please click here to subscribe or login if you are already a subscriber.